I tatuaggi di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio, rivelano interessanti scoperte sulle pratiche mediche dell’età del rame

Nel settembre 1991, due turisti hanno scoperto in un ghiacciaio nelle Alpi italiane i resti mummificati dell’Uomo venuto dal ghiaccio, soprannominato Ötzi. Da allora, i ricercatori hanno analizzato rigorosamente la mummia per dipingere un quadro di com’era la vita all’inizio dell’età del bronzo, circa 5.300 anni fa. Tre decenni di ricerche hanno ricostruito dettagli intimi…

Continua ...

I “cancelli” dell’Arabia Saudita scoperti con le nuove tecnologie satellitari

Google Earth ha aperto le porte agli antichi misteri di tutto il mondo. La disponibilità di immagini satellitari ad alta risoluzione dell’Arabia Saudita su piattaforme pubblicamente disponibili come Google Earth e Bing Maps è stata rivoluzionaria per l’archeologia. Nel giro di pochi anni sono stati mappati decine di migliaia di siti precedentemente non registrati e…

Continua ...

Il muro di Vinapu

Vinapu è un complesso archeologico situato in un’estesa spianata ai margini della costa meridionale dell’isola di Pasqua, finora sono stati scoperti i resti di ben tre piattaforme su cui spiccano due ahu di grande monumentalità. Vinapu consiste in un muro parzialmente distrutto con costruzione megalitica che è fondamentalmente unica nell’isola, ma non unica al mondo.…

Continua ...

L’optimum climatico, il paradiso indoeuropeo e il giardino dell’Eden

Nel volume Omero nel Baltico1 abbiamo cercato di dimostrare che il reale scenario delle vicende dell’Iliade e dell’Odissea fu il mondo baltico-scandinavo, sede primitiva dei biondi navigatori achei: costoro successivamente discesero nel Mediterraneo, dove, attorno all’inizio del XVI secolo a.C., fondarono la civiltà micenea2, trasponendovi, oltre ai nomi geografici, anche epos e mitologia, portati con sé dalla perduta patria…

Continua ...

La fortezza megalitica di Cosa

Sono appena tornato da un incredibile viaggio attraverso la Toscana e l’Italia centrale, durante il quale ho avuto l’opportunità di visitare nuovamente l’affascinante sito di Cosa, affacciato sul mar Tirreno e sul Monte Argentario. L’antica città di Cosa è circondata da 1,5 chilometri (1 miglio) di mura poligonali costruite con enormi blocchi di calcare perfettamente…

Continua ...